ALESSANDRO QUASIMODO INCANTA VILLA MANZONI

Alessandro Quasimodo, al salotto letterario di Villa Manzoni, eccezionale cantore delle poesie del padre Salvatore e delle liriche della madre, la danzatrice Maria Cumani. Recital poetico accompagnato da videoproiezioni

Sarà il suo sguardo, verde e magnetico; sarà la sua voce profonda, o il modo in cui legge i versi paterni, la tenerezza che mette illustrando le fotografie della madre, sta di fatto che Alessandro Quasimodo incanta il pubblico del salotto letterario di Villa Manzoni, giovedì sera a Dogana.
E’ un viaggio nella memoria, nelle pieghe della famiglia e della poesia del Premio Nobel per la Letteratura, pieno di risvolti spesso sconosciuti e affascinanti, ma sempre di grande qualità. Istruttivo, eppur lungi dalla pedanteria, grazie anche alle immagini che scorrono sullo schermo a far da sfondo all’intercalare del rapsodo.
“La sua vita – racconta il figlio Alessandro - è stata complicata, difficile, piena di luci e ombre”. Sciocco nascondere i difetti, le cadute lungo il tragitto: “L’artista non deve esser messo sotto una campana di vetro. E’ un uomo come tutti noi”. Solo che, a differenza della gente comune, l’artista riesce a trasformare gioie e dolori della vita privata in preziose fonti d’ispirazione. L’incontro con la danzatrice, molto più giovane di lui, che con il suo amore e la sensibilità artistica, fu ispiratrice di gran parte del suo lavoro.


>> per saperne di più